Laboratori intensivi di narrazione orale - condotto da Sista Bramini
Tre fine settimana - febbraio e marzo 2020

Tre incontri nei fine settimana:
15 e 16 FEBBRAIO 2020
29 FEBBRAIO - 1 MARZO 2020
14 e 15 MARZO 2020

Orari:
sabato dalle 10.00 alle 19.00
domenica dalle 9.00 alle 17.00

Presso la Sala CantieriScalzi, Via Pistoia 1b Roma(metro A: Re di Roma, metro C: Lodi)

Max 10 partecipanti, verrà agevolato chi partecipa a tutti gli incontri. 

Costo: 140,00 euro per ogni fine settimana.

Info iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono: 3881726565

Laboratori intensivi di narrazione orale 

Condotto da Sista Bramini

Tre fine settimana - febbario e marzo 2020

Un mito antico è una struttura viva, semplice e complessa a un tempo. Ha attraversato i secoli e generazioni diverse vi si sono specchiate. Al richiamo di nuove sensibilità il mito risponde mostrando scorci inediti. Un buon racconto appassiona chi ascolta se è ben radicato nel corpo, nella mente e nel cuore del narratore. È un fine artigianato i cui elementi si sperimentano e si compongono per una comunità.
Il Laboratorio è una bottega dell’arte del narrare, i partecipanti guidati da un’esperta narratrice e ispirati dal mito antico, si cimentano a scoprire i principi vivi del narrare, a costruire e raccontare delle storie fino a comporre un prisma di racconti diversi: punti di vista, sviluppi e stili differenti di una stessa emblematica vicenda.
Una verità narrativa lega le storie all’esperienza vissuta. Le storie modellano l’esperienza e l’esperienza dà vita alle storie. Un racconto è fatto per essere condiviso. Un tempo le storie erano un linguaggio. A un racconto si rispondeva con un altro racconto e così ci si confrontava sui temi importanti, vedendoli già incarnati nella vita, nella complessità delle vicende e nelle sfumature dei personaggi. Così si sviluppava l’intuizione e la propria umanità, così ci si allenava all’irriducibilità e alla misteriosa imprevedibilità della vita.

Foto: Francesco Galli